Emozioni primarie e fondamentali

Nelle fasi di studio alcuni argomenti colpiscono maggiormente l’attenzione. Nel proseguire la mia preparazione per gli esami di psicobiologia, ho deciso di pubblicare una porzione di quanto studiato. Ciò che riporto a seguire, quindi, non rappresenta un post a carattere scientifico redatto da un professionista.

Le emozioni sono specifici fenomeni neuropsicologici, modellati dalla selezione naturale, che organizzano e motivano pattern fisiologici, cognitivi e comportamentali che facilitano le risposte adattative alla vasta gamma di domande e di opportunità dell’ambiente” (C. E. Izard).
I comportamenti non verbali – le espressioni facciali, gli sguardi, il tono della voce, i movimenti del corpo con cui vengono fornite le risposte – costituiscono la principale via di comunicazione delle emozioni.
La natura delle emozioni è oggetto di controversia fra i ricercatori che lavorano nell’ambito di diverse discipline. Alcuni psicologi cognitivi le considerano processi interni dell’individuo, mentre secondo antropologi e psicologi maggiormente orientati in senso sociale le emozioni si creano nelle interazioni interpersonali.
Il punto essenziale è che le emozioni non sono circoscritte a determinati circuiti o aree cerebrali; al contrario, queste stesse regioni limbiche sembrano mediare attività che influenzano la maggior parte delle funzioni del cervello e dei processi della mente.
Come osservato da L. Alan Sroufe, psicologo presso l’Institute of Child Development University of Minnesota, le emozioni comportano una reazione soggettiva ad un evento saliente, caratterizzata da cambiamenti fisiologici, esperienziali e comportamentali.
Le emozioni funzionano come un insieme di meccanismi integrativi che collegano vari sistemi e domini in un flusso dinamico nel tempo.
Le emozioni, all’interno del cervello, radunano processi diversi nella formazione di uno Stato della Mente; all’interno delle relazioni interpersonali, mettono in connessione elementi dei singoli individui.
A seguito di uno stimolo, il cervello e altri sistemi dell’organismo entrano in uno stato di aumentata vigilanza assumendo una condizione che possiamo chiamare una “risposta orientativa iniziale”.
Inizialmente questa reazione attiva processi cognitivi che non richiedono consapevolezza; nel giro di microsecondi, il cervello processa le rappresentazioni che si uniscono agli Stati del Corpo e dell’ambiente esterno in quel particolare momento.
A seguire viene avviata una fase che possiamo definire “valutazione elaborativa” caratterizzata da processi che modulano flussi di energia all’interno del nostro cervello. La valutazione elaborativa determina la bontà dello stimolo e conseguente reazione.
Il processing emozionale, quindi, prepara il cervello e il resto dell’organismo all’azione.
L’attivazione motivazionale induce una cascata di processi motori percettivi che facilita la secrezione di comportamenti appropriati. Questa cascata di risposte può essere vista come una catena di ulteriori valutazioni seriali o simultanee, che illustra come l’emozioni siano elementi pervasivi nel funzionamento del nostro cervello.
I cambiamenti negli stati cerebrali generati dalle risposte orientative e dai processi di valutazione elaborativa possono essere definiti emozioni primarie.
L’aggettivo primarie si usa per enfatizzare la natura iniziale e ubiquitaria di questi processi motivazionali essenziali; inoltre, come per i colori primari, il termine implica che le loro varie combinazioni possono dare luogo a una gamma di esperienze emotive diverse.
Le sensazioni emozionali primarie sono non verbali, spesso inconsce, perché derivano dalla variazione di flussi di attivazione di all’interno degli stati del sistema. Le emozioni primarie riflettono cambiamenti negli Stati della Mente.
Alla risposta orientativa iniziale e ai processi di valutazione può far seguito una terza fase che porta una differenziazione o canalizzazione di pattner di attivazione associati agli stati emozionali primari.
A volte possiamo sentirci neutri, incapaci di identificare sensazioni o sentimenti particolari e verbalizzabili. In altre occasioni le nostre emozioni primarie si differenziano invece in Stati della Mente ben definiti, mediati dal reclutamento di circuiti specifici, e danno luogo a quelle che vengono classificate come emozioni discrete, come noi preferiamo chiamare fondamentali.
Tale termine si riferisce a sensazioni che sono per noi più familiari come tristezza, rabbia, paura, sorpresa, gioia. L’esistenza di queste emozioni più definite e specializzate è però ancora controversa.
Le emozioni fondamentali possono essere considerate stati della mente differenziati che si sono sviluppati come pattner di attivazione specifici.
Gli stati emozionali primari possono essere comunicati e condivisi da due individui a livello sensoriale. Le nostre esperienze emozionali primarie possono rivelare sia come conosciamo noi stessi, sia come ci mettiamo in comunicazione con gli altri.
Diversi studi indicano che la depressione è associata ad una diminuita capacità di percepire le espressioni facciali degli altri, correlata a una diminuzione dell’attività delle regioni cerebrali che normalmente mediano tale capacità.
Alcuni studi indicano che la sintonizzazione dei genitori sul suo mondo interno facilita lo svolgimento di compiti da parte del bambino che regola il suo stato emozionale in risposta allo stress.

Annunci

Pubblicato il dicembre 28, 2013, in psicologia con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: