Il pensiero sociologico: tappa 2 – Comte e la legge dei tre stadi

Nelle fasi di studio alcuni argomenti colpiscono maggiormente l’attenzione. Nel proseguire la mia preparazione per gli esami di sociologia generale, ho deciso di pubblicare una porzione di quanto studiato. Ciò che riporto a seguire, quindi, non rappresenta un post a carattere scientifico redatto da un professionista.

Auguste Comte nasce a Montpellier nel 1798 da famiglia di sentimenti cattolici e monarchici, sostenitori della deposta dinastia dei Borbone di Francia.
L’essenza del suo pensiero, più tardi definito “positivismo“, consiste nel ritenere l’inevitabile evoluzione in positivo dell’umanità basata su una incrollabile fede nella scienza e nelle sue soluzioni.
La sua legge dei tre stadi (esposta nei sei volumi del “Corso di filosofia positiva“, 1830-42) viene considerata come la prima teoria genuinamente sociologica.
Comte sostiene che il progresso umano si gioca tutto sul passaggio attraverso questi stadi e sulla capacità di controllo del comportamento e dello spirito umano.
Comte sintetizza così i tre stadi:

  1. Stato teologico: nel quale le autorità principali sono quelle militari e quella religiosa.
  2. Stato metafisico: nel quale gli agenti soprannaturali sono rimpiazzati da forze astratte.
  3. Stato positivo: nel quale Comte tenta di giustificare l’idea dell’unità della storia umana.
Annunci

Pubblicato il febbraio 7, 2014, in sociologia con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: