Archivio mensile:novembre 2018

L’Ammiraglia visita lo Stretto

Il Cavour è un “incrociatore portaeromobili”, secondo la classificazione ufficiale, STOVL (acronimo inglese di Short Take-Off and Vertical Landing, letteralmente in italiano decollo corto ed atterraggio verticale).
Il Cavour è stato costruito per combinare varie funzionalità fra cui, oltre alla predominante azione aerea, anche scenari di operazioni anfibie, comando complesso e di trasporto di personale civile e militare e di veicoli pesanti.
Entrato in servizio nel 2009, dal 2011 è la nave ammiraglia della flotta italiana.
Questa foto è stata scattata da me il 18 novembre 2018 “L’Ammiraglia visita lo Stretto” (incrociatore portaeromobili “Cavour”)

Annunci

Cos’è per me la fotografia?

Cos’è per me la fotografia? Spesso mi pongo questo quesito perché in passato la foto era soltanto legata ai miei viaggi o ai ricordi di famiglia. Quegli scatti che si fanno per bloccare quel momento, per averne ricordo in futuro. Poi ho cominciato a scattare per documentare un mio articolo, per arricchire quanto scrivevo, per provare a dare un’idea di quanto vedevo. Poi è tornato il periodo in cui era indispensabile per me ricordare un momento dello sport o della vita vissuto da me o dai miei cari (intendo familiari ed amici).
Adesso è il periodo in cui scatto per distendermi, faccio le foto soltanto per me e desidero che rappresenti per me un ricordo di quel momento, legato ai pensieri o i sogni che son passati per il mio cervello in quel minuto, senza preoccuparmi dei commenti o di apparire sui social, contrastando le differenze tra la vita reale e ciò che le persone condividono sui social media che ultimamente spingono le persone ad affacciarsi provando a guadagnarsi un momento di gloria.
Ecco, in questo momento della mia vita desidero concentrarmi per far si che questa mia passione possa aiutarmi ad aprire il mio cuore e fissare meglio nella mia memoria quel momento. (foto scattata da me “Una sguardo sul lago”)

Capture The Future Tour

È stata una bella esperienza quella di ieri a Viagrande (CT). Il Canon Capture The Future Tour, evento unico nel suo genere, ci ha permesso di scoprire il sistema EOS R e tutte le possibilità creative che esso offre.
L’incontro, svolto presso il Grand Hotel Villa Itria, ci ha permesso di assistere a numerosi workshop ed attività che hanno impegnato i partecipanti per tutta la giornata.
Sono uscito stanco, ma soddisfatto da questa esperienza che mi ha permesso di conoscere tanta bella gente e di tornare a scattare in maniera prolungata. Questo è stato il programma dei workshop che ho seguito alternando qualche scatto alle modelle presenti (a corredo dell’articolo uno dei miei scatti a Serena Petralia):
11.00 – 11.45 Alessandro Ravazzani e David Metalli, Canon Italia
“Il nuovo sistema Canon EOS R”
12.00 – 12.45 | Gabriele Pavan, Technical Rappresentative di Canon
“I segreti della stampa professionale con PIXMA e PIXMA PRO”
14.00 – 14.45 | Marco Abba, Wedding videographer
“Wedding videography&photography: i sistemi EOS, EOS R e EOS CINEMA”
15.00 – 15.45 | Mariano Bevilacqua, Canon Coach
“Canon EOS R: a new way of shooting’
16.00 – 16.45 | Andrea Benedetti, Canon Coach
“Case Study EOS R: Bernina GT 2018 – L’impiego sul campo della nuova mirrorless full frame Canon”
17.00 – 18.30 | Paolo Verzone, Canon Ambassador & World Press Photo Winner
Incontro con l’Autore: ‘La creazione di un racconto fotografico. La scelta del sistema più adatto a ogni esigenza”

Il secondo dei volumi dedicati ai maestri di fotografia

È arrivato in edicola il secondo dei volumi dedicati ai maestri di fotografia. Questo volume, raccontato da Mario Calabresi, scrittore e giornalista, attuale Direttore de “La Repubblica”, conta sull’editor Alessia Tagliaventi, autrice e Docente di storia della fotografia che attualmente insegna presso l’Istituto Europeo di Design di Roma, parla di Alex Webb, membro di Magnum Photos dal 1979, noto per le sue fotografie a colori vivaci e complesse.
Webb ha esposto in musei di tutto il mondo, tra cui il Whitney Museum of Art di New York, il Metropolitan Museum di New York e l’High Museum of Art di Atlanta, in Georgia. Nel 2007 è stato insignito del Guggenheim Fellowship. Ha collaborato tra gli altri a Geo, Time, National Geographic e The New York Times Magazine.
Questo libro che sto leggendo è assolutamente da non perdere. Tra le sue pagine possono essere apprezzate le foto ricche di colori che posseggono una forza narrativa straordinaria.
Non sono un critico d’arte o di fotografia, desidero solo esprimere il mio modesto parere per consigliarvi l’acquisto di questo volume.

POST CORRELATI

Uno speciale dedicato al nudo

È da ieri in edicola il numero speciale de “Il fotografo” dedicato a nudo. Con questo magazine speciale ha inizio la nuova collana realizzata da Sprea che sarà dedicata ai grandi temi della fotografia. Ogni fascicolo sarà un volume rivolto alla presentazione ed all’analisi di un genere fotografico nelle sue diverse interpretazioni.
Nel nudo, ancor più che in altri generi fotografici, è facile passare i limiti della banalità e della volgarità.
Banco di prova per molti fotografi, la fotografia di nudo non lascia indifferente nessuno ed è per questo che consiglio la lettura di questo speciale.