#iorestoacasa, ma non rompo

Che bello svegliarsi e trovare un’immagine come questa nei messaggi ricevuti, al posto del solito link alla pagina di giornale che parla del coronavirus.
In questi giorni di permanenza a casa in molti, purtroppo, non fanno altro che condividere notizie sul virus, come se gli altri non sapessero attingere le informazioni. Nei primi giorni è stato normale trovare tra i messaggi le avvertenze, i timori della diffusione del virus e notizie simili; adesso mi sta sembrando quasi patologico che si condividano argomenti ripetitivi.
Buona parte degli italiani sono a casa (quelli che non debbono recarsi sul posto di lavoro, che ringraziamo per il loro impegno e preghiamo affinché tutto vada bene) e trascorrono molto tempo sul web e riempiono di notizie (spesso ripetute) i social di messaggistica.
Per favore, mandiamo qualcosa di buono, che possa aiutare chi lo riceve a tenere su lo spirito. Grazie a chi, andando a lavorare, questa mattina mi ha mandato questa foto che mi ha fatto partire col piede giusto.

Pubblicato il marzo 18, 2020 su riflessioni, social network. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: