Magiche reliquie di un’utopia

Chi mi conosce sa che amo la storia e mi piace viaggiare, cosa che non riesco a fare più con una buona frequenza, visto che mi sto dedicando tanto alla lettura (altra mia passione) di tanto in tanto inserisco dei post su articoli o notizie che hanno colpito la mia attenzione o le mie amozioni.
In questo post confesso ciò che mi ha trasmesso la lettura di un articolo pubblicato sul prossimo numero di “Amateur Photographer”, storica rivista fotografica settimanale più antica del mondo, fondata nel 1884.
L’articolo in questione è “Relics of a Utopia” nel quale Peter Dench parla con il fotografo Laurin Schmid degli “Spomeniks” una parola serbo-croata che letteralmente significa “monumento” ed identifica quei manufatti costruiti nel corso della dittatura socialista di Josip Broz Tito in Yugoslavia.
Con la narrazione si riesce ad immaginare il viaggio di Laurin Schmid tra opere in calcestruzzo e utopie d’acciaio che trasmettono emozioni e fanno comprendere pagine di storia, ben lontane da quelle scritte su un libro ed apprese senza alcun tipo di coinvolgimento personale.
Consiglio ai visitatori del mio blog questa lettura. L’immagine a corredo del post è lo screenshot ridotto della rivista. Ovviamente sul magazine c’è tanto altro da leggere.

Pubblicato il novembre 5, 2020 su fotografia, giornali, storia. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: