Le quattro stagioni di Manuel Chiacchiararelli

Quando di parla di 4 stagioni il primo pensiero va ai primi quattro concerti solistici per violino dell’opera Il cimento dell’armonia e dell’invenzione di Antonio Vivaldi.
Da fotoamatore ho preso in considerazione le stagioni meteorologiche e quelle astronomiche, considerando anche gli aspetti di chi esce per scattare delle foto e le condizioni meteo che potranno influire sul prodotto ottenuto e sulla sicurezza da tenere in considerazione prima di avventurarsi al buio.
Dal punto di vista strettamente fotografico avevo scelto un luogo piacevole nel quale sviluppare il mio progetto di 4 stagioni ed avevo le idee chiare su cosa ottenere.
La sorpresa, prima della pandemia, è stato il quantitativo di neve che non ha permesso la circolazione, quando è stata sistemata la viabilità, non è stato possibile per gli impegni. Così l’idea è rimasta nel cassetto.
Ieri con enorme piacere ho visto gli scatti di Manuel Chiacchiararelli, che sono nell’immagine a corredo del post e visibili sul suo blog che raccolgono le differenze di colori dello stesso luogo.

Pubblicato il marzo 5, 2021 su fotografia. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: