La signora delle vecchie mille lire

Sembra strano, ma se chiediamo chi è stata Maria Montessori nella migliore delle ipotesi ci sentiamo rispondere “la signora delle vecchie mille lire” (la riproduzione è sopra nell’immagine a corredo).
Eppure il suo metodo educativo è adottato in migliaia di scuole dell’infanzia, elementari, medie e superiori in tutto il mondo (con maggiore concentrazione negli Stati Uniti, in Germania, nei Paesi Bassi e nel Regno Unito).
La pedagogia dell’educatrice, pedagogista, filosofa, medica, neuropsichiatra infantile e scienziata italiana, tra le prime donne a laurearsi in medicina nel nostro Paese, si fonda sull’indipendenza, sulla libertà di scelta del proprio percorso educativo (entro limiti codificati) e sul rispetto per il naturale sviluppo fisico, psicologico e sociale del bambino, mirando a sviluppare una sorta di «educazione cosmica», cioè un senso di responsabilità e di consapevolezza verso la rete di relazioni che collega ogni entità microcosmica al contesto generale macrocosmico. Ovvero spiega che ognuno di noi per amarsi a far parte del piano cosmico deve essere capace di costruire e dirigere l’avvenire della società umana.
Il vero segreto della riuscita del metodo consiste nello stimolare intelligentemente la fantasia dei giovani per scuotere l’interesse e far germogliare i semi di un lavoro attraente, figurativo e letterario, ma sempre legato all’idea centrale del Piano Cosmico nel quale tutti, consciamente o inconsciamente reagiscono al grande Fine della Vita.
In armonia con il pensiero dell’intelligenza unita alla personalità vengono curati tre fattori: l’elemento vitale, l’impulso ad agire in vista di una meta e la formazione di sequenze di pensiero.
Nei miei anni di insegnamento ho sempre ribadito di non studiare a memoria (e non sono stato solo in questa impresa), ma di ascoltare la spiegazione, leggere l’argomento, concentrarsi fino ad elaborarlo.

POST CORRELATI

Pubblicato il settembre 14, 2021, in didattica con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: