Plusdotati o sottovalutati?

È stato veramente un piacere sapere che un corso di aggiornamento ha trovato lo spazio per i ragazzi plusdotati.
Purtroppo nella mia esperienza ho avuto modo di rilevare che se ne parla poco, al punto di poterli definire “sottovalutati”.
In Italia se ne parla poco e con discussioni piene di lacune, mentre negli USA ogni Stato ha una legislazione sui cosiddetti “gifted” ed in Europa quasi tutte le strutture che si occupano di formazione ed istruzione hanno gli strumenti didattici per occuparsi adeguatamente dei ragazzi plusdotati.
Questi ragazzi posseggono un linguaggio ricco, l’abilità di trovare soluzioni originali ai problemi ed una forte sensibilità rispetto ai loro coetanei.
Purtroppo i soggetti plusdotati, spesso non accettano le regole imposte e mostrano disinteresse per molti argomenti trattati, perché per loro scontati; per questo vengono paragonati ai soggetti iperattivi.
Nella scuola delle buone pratiche, si dovrebbero considerare aspetti legati a questi ragazzi che altrimenti rischiano di precipitare nel disagio scolastico o addirittura all’abbandono. Considerato che l’argomento ha trovato uno spazio nell’aggiornamento, vuol dire che qualcosa si sta muovendo. Io ci conto.

POST CORRELATI

Pubblicato il settembre 16, 2021 su didattica, psicologia, riflessioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: