La serenità è rappresentata da come viviamo i momenti alti e bassi

Nel trattare l’argomento “serenità” ho espresso che quasi tutti cercano una formula per il “vivere bene” e ho provato a rinforzare che ognuno di noi deve fare prima un elenco di quelle cose che riescono a darcela o ci permettono di avvicinarci gradualmente.
Ognuno di noi avrà un suo personale percorso per raggiungerla ed è per questo che a chi vuol seguire questo cammino posso suggerire che tutto nasce dai nostri pensieri, dalle emozioni e dalle personali esperienze.
Superare le avversità è una questione di mentalità e fiducia ed io credo di essere avvantaggiato per aver svolto pratica sportiva agonistica per lungo tempo. Nello sport, infatti, non c’è spazio per la negatività e talvolta anche un malessere fisico non ci ha limitato ad entrare in campo per disputare la propria gara.
In campo sportivo sono richiesti costantemente studio, apprendimento e ricerca delle soluzioni ai problemi.
Negli anni di insegnamento ho sempre spiegato ad i miei alunni che un buon giocatore è quello che prende un otto in “pagella”, ma che a volte non raggiunge la sufficienza. Un campione, invece, è quello che elargisce tocchi di maestria che alterna prestazioni nelle quali non scende al di sotto del sei e supera le avversità dei problemi.
L’applicazione del campione nella vita gli permette di raggiungere un potenziale che altri non avrebbero mai pensato fosse possibile.
Guardando una partita di calcio giovanile ci può capitare di vedere un atleta che mostra un buon tocco di palla che utilizza con frequenza fino a quando gli avversari non gli sottraggono la palla. Questa accade per mancanza di consapevolezza; nelle categorie più alte, infatti, l’atleta esperto dopo aver donato un gesto tecnico che mette in evidenza la propria maestria e favorisce lo smarcamento di un proprio compagno, a quest’ultimo passa la palla per andare a rete.
Il potere del dialogo interiore e del pensiero positivo fanno la differenza tra un buon giocatore ed un campione.
Nella vita incontreremo sempre momenti alti e bassi, è il modo in cui rispondiamo a questa alternanza che conta.

POST CORRELATI

Pubblicato il aprile 13, 2022 su psicologia, riflessioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: