Luci pu cori

A natura è bedda, non è apparenza
ni voli fari capiri chi non putemu stari senza,
ma l’omu para sempri di economia
e vurria sapiri chi minni futti a mia.
‘na vota si travagghiava pi campari,
ora chi semu ‘mbriachi campamu pi travagghiari.
Taliava ‘nimali, ciuri e muntagni quannu era carusu
ora stamu tutti chiusi ‘nto purtusu;
a poesia non trova spazio ‘nta nosta menti
dintra la testa ‘un ristau nenti,
sulu l’omu saggiu
si talia u paesaggiu
non è poeta e mancu pitturi
a talia sulu p’amuri.
A diri a verità
supra sta cosa ca’
è sempri picca sta genti
picchi in tanti un capisciunu nenti,
tanti talianu pensannu a costruiri
e picca su chiddi chi vonnu luci pi lu cori.

POST CORRELATI

Pubblicato il luglio 2, 2022 su poesie. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: