Archivi categoria: foto

Problemi di upload risolti

I problemi di upload che hanno rallentato gli aggiornamenti della pagina in cui raccolgo tutti i miei scatti fotografici sono stati risolti. Nuovamente attiva da oggi.

POST CORRELATI

Problemi di aggiornamento

Problemi di aggiornamento con la pagina social che raccoglie i miei scatti. Sto provando a risolvere i problemi sorti che negli ultimi giorni mi hanno permesso il caricamento complessivo degli scatti soltanto in una unica giornata.

Impariamo a guardare il bello

È bello recarsi in un negozio (nel mio caso un caseificio) e poter essere accolti con una bella varietà di colori della nostra terra, uniti ai profumi delle piante aromatiche.
Mi sono soffermato ad ammirare questa bellezza prima di entrare e continuo a sostenere che ci vuol poco per dare un tocco di bello agli ambienti in cui viviamo (o lavoriamo).

Progetto “Piccola Sicilia”

Da tanto desideravo realizzare il progetto fotografico “Piccola Sicilia”, ovvero un album di miei scatti delle miniature realizzate per far conoscere alcune bellezze architettoniche della Sicilia esposte al parco di Zafferana Etnea (CT) anche se esistono altri parchi sul tema.
Oggi ho pubblicato gli scatti delle prime miniature, due beni artistici presenti nella mia città di nascita, ma proseguirò con le foto delle altre miniature esposte.
Ritengo il parco utile per le visite didattiche delle scuole del primo grado in quanto permettono di far ammirare con calma questi modellini realizzati con maestria.

“tъska”

Sei mesi fa ho fatto questo scatto e non nascondo che da quando ho fatto il click sulla fotocamera mi ha sempre generato emozioni.
Oggi ho deciso di pubblicarlo ed il nome che gli ho voluto dare è “tъska”, un vocabolo della lingua russa di traduzione letterale difficile, che raccoglie emozioni come nostalgia, desiderio o senso di mancanza (che a sua volta può essere descritto come mancanza del tempo, del luogo o delle emozioni vissute che generano ricordi).
Nel mio tour sono rimasto affascinato da molti luoghi del Regno Unito, quelli del Paese che immaginavo prima di visitarlo, ma a York mi sono trovato veramente a casa o ciò che immagino io di casa.
Ovvio che le emozioni che tengo dentro saranno ben diverse da ciò che il mio scatto potrà generare, ma il mio augurio è che questo scatto possa emozioni positive, su come il nostro ambiente possa essere sereno, bello come Madre Natura lo ha “composto” e libero in modo che tutti possano ammirarlo e viverlo.

Fotografare per ricordare

A trent’anni dalle stragi mafiose di Capaci e via D’Amelio, la commemorazione delle vittime lascia l’aula bunker e si apre alla città di Palermo. Per la prima volta, sarà il Foro Italico il cuore delle celebrazioni alle quali parteciperà anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
Ho voluto dare un piccolo contributo a questo memoriale con un progetto che ha raccolto alcuni miei scatti.
Ovviamente il contributo dell’album “Per non dimenticare” non potrà essere paragonato a quello degli interventi a cui si assisterà domenica, però potrà servire ai Colleghi in servizio per trattare l’argomento con i propri alunni.
Il progetto è stato avviato con il murales di Falcone e Borsellino realizzato con la celebre foto di Tony Gentile (scatto che ho eseguito dalla Cala di Palermo) e prosegue con scatti del “Giardino della memoria” di Capaci (PA).

Broccoli, pieni di vita

Sto proseguendo il progetto “Alla ricerca del gusto” che non rappresenta una panoramica di “Food Photography”, ma un ritrovare il gusto delle vecchie tradizioni.
Ieri nello spazio dedicato al progetto ho inserito un classico piatto stagionale: i “broccoli a vapore”.
I broccoli indicano che la primavera è ufficialmente arrivata, ma come alimento oltre a mantenere i nostri cervelli acuti sono anche famosi per far rivivere i nostri livelli di energia, lasciandoci sentire più pieni di vita.

POST CORRELATI

Alla ricerca del gusto

Con l’arrivo della pandemia e delle restrizioni vissute ho ritrovato una delle mie vecchie passioni: la cucina tradizionale.
Certo che per il nostro benessere ci stiamo nutrendo di cibi salutari e ci siamo allontanati dalle vecchie tradizioni per ridurre le problematiche che scaturiscono da una alimentazione ricca di zuccheri, grassi, sale e spezie varie. Ma non sempre la cucina popolare è qualcosa che fa male. “U picca non basta e u troppu suvecchia” si dice dalle nostre parti (tradotto: “il poco non basta, ma il troppo è spesso eccessivo [o eccedente]”), quindi è opportuno sapersi controllare.
In passato ci cibavamo di prodotti locali in un periodo dell’anno diverso dagli altri. Questo permetteva ad i nostri nonni di mantenere un corretto equilibrio.
Con l’arrivo della “globalizzazione” rischiamo di assumere alimenti che alle origini non facevano così male in quanto inquadrati in una alimentazione più o meno bilanciata. Oggi con i mix che generiamo rischiamo veramente di strafare.
Così come il primo album fotografico “Food Photography da quarantena” ho deciso di proseguire con il progetto “Alla ricerca del gusto” ed anche in questo caso non si tratta di una vera e propria “food photography”, ma di una raccolta di scatti che servono a mantenere viva la tradizione.
Chiaramente sono scatti lontani nel tempo e non il risultato dello stesso pasto o della dieta settimanale.
Ho voluto avviare la raccolta di scatti (progetto) dal salame Sant’Angelo IGP uno degli alimenti che mi piace maggiormente.
Il prodotto ha una storia molto antica. Nell’XI secolo, infatti, i Normanni introdussero nuovi usi nel territorio siciliano tra cui la carne suina, in contrapposizione alle consuetudini imposte dai dominatori arabi per i quali l’uso della carne di maiale era proibito.
Nel tempo, Sant’Angelo di Brolo (ME) è stato custode geloso di una tradizione unica in Sicilia. La riprova si legge in numerosi documenti tra cui una delibera della metà del XIX secolo, che introduceva il “balzello” (bazzeddu in siciliano), una imposta sulle produzioni di maggior interesse economico, fra le quali il salame.
Negli stessi anni si può trovare anche l’introduzione del “Rivelo“, una pratica simile ad una odierna autocertificazione, che obbligava i produttori a dichiarare sia il luogo di conservazione del salame che le quantità prodotte.
Il Salame S. Angelo IGP è un prodotto di salumeria, insaccato, a grana grossa, la cui zona di produzione è situata nel territorio del comune di Sant’Angelo di Brolo in provincia di Messina, nella regione Sicilia.

POST CORRELATI

“Omaggio a Sant’Agata”

Catania è legata alla sua Patrona in un binomio indissolubile che è andato consolidandosi sempre più nella memoria collettiva.
Oggi il quotidiano della Città etnea ha presentato un bell’inserto dedicato alla Patrona; io ho pensato di pubblicare questa foto “Omaggio a Sant’Agata” per ricordare un personale momento di devozione.

2022, verso una fotografia di “positività corporea”

Se l’anno appena concluso ha portato con sé decine di tendenze innovative che hanno rimodellato la nostra vita quotidiana ed ha spinto i fotografi a pensare fuori dagli schemi, per il team di Getty Images Creative Insights la spinta trainante nella cultura visiva odierna è quella di immagini autentiche che rappresentino tutte le persone. Invece di scatti fortemente ritoccati e stilizzati, stiamo vedendo più elementi visivi con spaccati di vita che celebrano un’estetica più pulita.
Per Getty Images, infatti, le ricerche di “positività corporea”, “vita reale” e “amore per se stessi” sono aumentate, indicando un passaggio verso una rappresentazione più inclusiva, rivolta a fotografare i “micro-momenti”, piccole scene spontanee della vita quotidiana, in sostituzione degli scatti in posa o messi in scena.
L’immagine a corredo del post è un recente scatto dell’amico fraterno Nicola Vaiana.