Archivi categoria: libri

Libri arrivati, lettura cominciata

Sono arrivati ieri i libri acquistati: “Il viaggio del fotografo: Scopri la bellezza fuori e dentro di te“ e “Il diario del fotografo“. Ovviamente dopo uno sguardo veloce al diario, mi sono messo a leggere il viaggio.
Da una prima opinione posso dire che i libri, anche se piccoli, appaiono piacevoli alla lettura ed all’osservazione del proprio piano di sviluppo personale. Nelle prime pagine si avverte la tematica fondamentale del libro che mira a fare acquisire una maggiore consapevolezza attraverso la conoscenza delle proprie emozioni provate negli scatti effettuati.
Ancora è presto per dirlo, però credo che l’acquisto sia stato ben fatto e la lettura dei due libri mi arricchirà maggiormente.
La foto a corredo del post è stata scattata da Anna Ferrara mentre sul divano assaporo il primo libro.

POST CORRELATI

Camminare sui monti alla ricerca della serenità e della crescita personale

È da molto che ho comprato il libro “Camminare e raccontare i Peloritani” un testo per riscoprire le bellezze naturali del nostro territorio. Il libro condivide le esperienze fatte da Don Giovanni Lombardo e Pasquale D’andrea ed insegna ad amare ed apprezzare la natura e conoscere nei dettagli, inoltre, il territorio naturalistico ed unico ricco di biodiversità dei Monti Peloritani.
Sinceramente lo sto gustando a spezzoni, perché preferisco una attenta lettura delle pagine che spiegano le infinite bellezze delle nostre colline.
Anche se lo leggo per argomenti, è da un po’ che medito di sviluppare un progetto naturalistico-fotografico che possa fornirmi una ulteriore guida per il mio cammino verso la serenità ed una crescita personale più ricca di quella attuale.
Sul libro, la cui immagine è stata utilizzata a corredo del post con uno scatto fatto sempre sul divano che permette una comoda lettura, aggiungo per concludere che potete trovarlo in tanti posti, dalle librerie al punto ristoro di “Don Minico”; è veramente un piacere leggerlo.

Un e-book gratis sulla fotografia outdoor

La rivista di Berlino “NeoAvantgarde” ha sviluppato una guida per aspiranti fotografi all’aperto (ovviamente scritta in tedesco). Su 24 pagine, il libro fornisce suggerimenti pratici, inoltre, vengono presentati sei percorsi escursionistici in Germania e Svizzera.
Questo il link per visualizzare il libro.
A corredo del post la copertina dell’e-book.

Acquistati altri due libri

Nella mia navigazione su internet, ho avuto modo di ascoltare i giudizi positivi sul libro “Il viaggio del fotografo: Scopri la bellezza fuori e dentro di te“, un diario scritto da Riccardo Pedica che affronta la fotografia da un punto di vista emozionale. Nel mio cammino alla ricerca della serenità ho pensato bene di acquistare questo libro che aiuta ad analizzare se stessi per poi esprimere le proprie sensazioni attraverso la fotografia.
Mentre stavo per fare l’acquisto, ho notato che lo stesso autore ha scritto “Il diario del fotografo“, uno strumento dedicato a tutti coloro vogliono approfondire il proprio rapporto con la fotografia. Ho completato così i miei acquisti ed adesso non posso che attendere la consegna che dovrebbe avvenire in settimana entrante.
La foto a corredo del post è la copertina di entrambi i libri acquistati.

Pubblicato “Rooted”

È stato pubblicato poche settimane fa “Rooted”, ultima tappa di quella che l’autore definisce “una trilogia non intenzionale”. Henk Wildschut, olandese di cinquantadue anni, da quindici fotografa campi profughi. Il libro si apre con la frase di un bambino siriano: “When I see green, I remember home” che fa immaginare il disagio di un bimbo che vuole ricordare quella terra dalla quale proviene e prosegue con l’alternarsi delle immagini delle piante che sono state seminate per avere un minimo di stabilità in quella che si spera sia la loro temporanea dimora.
La foto a corredo del post è uno screenshot della copertina della libro che può essere acquistato su photoqbookshop.
Uno stralcio del libro può essere visto sul sito dell’autore, io spero di acquistarlo al più presto.

Grande Maestra

Il tanto atteso libro sulla Maestra Letizia Battaglia è arrivato. Allo squillo del telefono con l’avviso di Claudio (il mio amico e fornitore di fiducia) non sono riuscito a stare più nella pelle e mi son precipitato a prendere al volo questo libro della collana sui “Maestri della fotografia“.
Il libro ci fornisce la storia di questa Maestra e della sua visione della Sicilia attraverso una conversazione con il giornalista Michele Smargiassi che da oltre trent’anni si occupa prevalentemente di cultura visuale, fotografia ed arte.
Nel libro troviamo una bellissima selezione degli scatti della Maestra ed una sua biografia aggiornata. Da non perdere.
La foto a corredo del post è stata scattata da me col telefonino sul divano divenuto ormai il mio sfondo preferito.

POST CORRELATI

Aspettando il libro sulla Maestra

Per evitare altri danni causati dalla mia memoria sto seguendo gli aggiornamenti della collana sui “Maestri della fotografia“. Nei primi giorni del mese di settembre, infatti, dovrebbe arrivare in edicola il primo volume dedicato ad una donna: Letizia Battaglia. Le immagini della Maestra saranno accompagnate da un’intervista esclusiva realizzata appositamente dal giornalista Michele Smargiassi.
Appare evidente che da giorno 2 settembre all’alba, rimarrò davanti all’edicola di Claudio (il mio amico e fornitore di fiducia) per acquistare il volume che sarà sempre esposto nella mia libreria dopo un’attenta lettura. Suggerisco l’acquisto a tutti i visitatori del mio blog.
La foto a corredo del post è uno scatto di Corallo7 modificato secondo la licenza Creative Commons (CC BY-SA 4.0).

POST CORRELATI

La memoria fa brutti scherzi, perdo i Maestri

La complessità della memoria l’ho studiata prima all’ISEF poi in Psicologia e so che per fare spazio a nuove informazioni dobbiamo necessariamente cancellarne delle altre. In uno studio dell’Università di Cambridge del 2015 (pubblicata su “Nature Neuroscience“), è stato possibile tracciare l’attività cerebrale indotta dai ricordi individuali e mostrare come ciò ha soppresso gli altri dividendo il cervello in piccoli voxel.
Quando ho letto questi argomenti, non avrei pensato di ritrovarmi immerso dentro. La sovrapposizione di informazioni, infatti, mi ha fatto concentrare sulla conclusione della collana sui “Maestri della fotografia“ facendomi sfuggire che è stata ampliata con l’inserimento di maestri ai quali tengo molto come Steve McCurry, Abbas, Josef Koudelka, Don McCullin e, giusto all’inizio di questo mese, Giovanni Berengo Gardin.
Adesso il mio compito sarà quello di passare da Claudio (il mio amico edicolante) e vedere se è possibile sistemare il danno.

POST CORRELATI

Un libro nuovo da assaporare

La nuova collana del “Corriere della sera” (il primo numero è uscito ieri insieme al quotidiano) mi offre la possibilità di leggere un libro che non avevo letto. “Quel giorno sulla luna”, da quanto so, è un fantastico libro nel quale la stimata autrice raccoglie con completezza documentativa quell’evento storico che ci ha immobilizzato davanti agli schermi nel 1969 e che ci dona gli stati d’animo dei protagonisti dell’impresa.
Un balcone all’ombra, un bel libro ed un caffè freddo. Cosa pretendiamo di più?
La foto a corredo del post è la copertina del libro che ho ripreso col telefonino.

POST CORRELATI

“La fotografia d’arte”, un libro da comprare

Se la giornata esordisce con dei tuoni e poi con grosse gocce d’acqua e prosegue con un vento forte proveniente da sud-est, una bella navigazione sugli argomenti preferiti è quello che ci vuole per distendersi e non pensare alla passeggiata domenicale rilassante persa.
In questa navigazione ho notato un libro che mi sembra particolarmente bello e che sto meditando di comprare è “La fotografia d’arte“, scritto da David Bate (un fotografo e saggista che insegna all’University of Westminster di Londra) con la traduzione in italiano di Luca Bianco, Giulio Enaudi Editore, nel quale l’autore prende in considerazione l’argomento con una prospettiva più ampia considerando il ruolo della fotografia nell’arte, sottolineando come nella cultura contemporanea l’immagine abbia un ruolo centrale e predominante.
Ricordo a tutti che non sono un critico, però quanto letto nelle varie pagine web su questo libro del 2018 (edizione originale del 2015), ha attirato la mia attenzione e stimolato il mio desiderio di acquisto.