Archivi categoria: progetti

700000 le ore della vita di un uomo dei media – fase 3

700.000 Settecentomila “le ore della vita media di un uomo” è il progetto proposto dall’I.C. “Manzoni – Dina e Clarenza” di Messina con il patrocinio della Regione Sicilia (Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro, Dipartimento della Famiglia e delle Politiche Sociali) volto alla Prevenzione dell’uso di alcol, fumo e delle nuove dipendenze patologiche.
In questa terza fase delle attività progettuali, rivolta a Genitori e Docenti, saranno sviluppate tecniche corporee di auto controllo per eliminare le tensioni fisiologiche (respirazione, rilassamento frazionato,…….) e tecniche di concentrazione per acquisire una maggiore introspezione e coscienza di sé.

Annunci

Innovare i processi educativi: esperienze a confronto

Documenti del seminario svolto a Cagliari il 25 settembre 2014 presso I.C. “Don Milani” Carbonia, organizzato dall’ANP in collaborazione con dirSCUOLA. I documenti sono stati messi in rete da Cristiana Pivetta.

Nuove tecnologie e giornale scolastico

Il 26 aprile interverrò al II Meeting “Docenti Virtuali” & “Insegnanti 2.0” che si terrà a Città della Scienza dal 25 al 27 aprile.
Nuove tecnologie e giornale scolastico – l’esperienza del progetto ComunicAzione” sarà il tema trattato.
Nel corso dell’intervento mi confronterò con i Colleghi sugli ambienti di lavoro e sugli strumenti utilizzati per la realizzazione del progetto, tematiche affrontate nel nono capitolo del libro “Teen@ger, Storia e storie di un laboratorio giornalistico scolastico”.

Innamorati d’Europa

Le Agenzie Erasmus+ INDIRE, ISFOL e ANG, organizzano giovedì 20 febbraio, l’evento online “Innamorati d’Europa” sulle novità Erasmus+ per la scuola, l’istruzione superiore, la formazione ed i giovani. Dalle 14 alle 15 sarà possibile seguire i lavori in diretta streaming.

Progettare un corso di giornalismo scolastico

Corso di giornalismo

Progetto di un corso di giornalismo scolastico realizzato in collaborazione con Annarella Perra e Maria Greco nel corso dell’anno accademico 2010/2011.

Sito web, prove tecniche di didattica …

È stato attivato in data odierna lo spazio web nel quale saranno raccolte parte delle mie attività. Attualmente dovrete accontentarVi solo della home page provvisoria, ma nel corso del periodo natalizio ci saranno i primi cambiamenti.

Settimana Nazionale Nati per leggere

In occasione della prima settimana nazionale Nati per Leggere (16-23 novembre 2013), la Biblioteca Provinciale dei Cappuccini di Messina promuove il seguente calendario di appuntamenti:

  • SABATO 16 NOVEMBRE ORE 17:00 – ʽMerenda in festa’ per l’inaugurazione della sezione bambini BIBLIOLANDIA;
  • MARTEDÌ 19 NOVEMBRE ORE 16:30 – Narrazione condivisa a cura dello studio pedagogico ‘Radici‘ (letture rivolte a gruppi di genitori con bambini dai 3 ai 6 anni);
  • MERCOLEDÌ 20 NOVEMBRE ORE 10:00 – Laboratorio di lettura ad alta voce riservato ai bambini della scuola materna ‘I Pesciolini‘ (a cura dei lettori volontari della Biblioteca);
  • SABATO 23 NOVEMBRE ORE 16:30 – Laboratorio di lettura ad alta voce e creazione di un libro (a cura dei lettori volontari della Biblioteca e della restauratrice Angelika Ansaldo Patti).

TUTTI I LABORATORI SONO GRATUITI, AD ESCLUSIONE DEL LABORATORIO DI SABATO 23 NOVEMBRE (COSTO DI 2 EURO A BAMBINO PER ACQUISTO MATERIALI).

Per il libero accesso alle risorse didattiche aperte

La Commissione Europea ha lanciato il portale Open Education Europa nel settembre 2013. Originato da elearningeuropa.info, nell’ambito dell’iniziativa “Opening Up Education“, esso si prefigge di fornire un unico accesso a insegnanti e ricercatori per le Risorse Didattiche Aperte (OER) europee.

Giornali 24, prime pagine per la didattica

Un elemento essenziale per sviluppare il “progetto ComunicAzione” nella mia Scuola è stato Giornali24, uno spazio web in cui sono raccolte decine di testate giornalistiche, suddivise in nazionali, sportive, economiche e locali.
Poter leggere un giornale e confrontare i titoli delle varie testate stimola la discussione tra i componenti del gruppo.
I quotidiani rappresentano uno strumento per approfondire i fatti e per formarsi un’opinione. Ricordiamo che “saper leggere” le notizie riportate dai giornali, favorisce lo sviluppo della coscienza critica dei giovani.

PedibuS presentato alla cittadinanza

Gli assessori, alla pubblica istruzione, Patrizia Panarello, e alla mobilità urbana e viabilità, Gaetano Cacciola, hanno presentato stamani, nel salone delle Bandiere di palazzo Zanca, il progetto “Pedibus”, promosso dall’Amministrazione comunale e sponsorizzato dalla Fondazione di Comunità di Messina.
Personalmente credo in questo progetto perché rappresenta, a mio giudizio, un modo intelligente per far praticare un minimo di attività motoria ai piccoli della Scuola Primaria. Oltre all’attività motoria, il PedibuS permette una migliore acquisizione delle norme di educazione stradale e sviluppa quella socialità indispensabile per i piccoli cittadini.
Nel percorso verso la Scuola, infatti, i bambini (accompagnati da due adulti) potranno chiacchierare con i vecchi amici e conoscerne nuovi.
Per chi ha la mia età è un ritorno alle belle abitudini dei tempi passati, quando le nostre mamme, a turno, ci accompagnavano a scuola.
Durante il percorso parlavamo dei nostri “campioni”, confessavamo i nostri timori per la possibile interrogazione della giornata, organizzavamo i nostri pomeriggi.
Queste esperienze sono state rubate alle nuove generazioni che arrivano a scuola in macchina e tornano a casa, sempre in macchina, per fare rapidamente i compiti, dopo aver mangiato, e piazzarsi di gran corsa davanti alla consolle dei videogiochi in attesa dell’ora di cena.
I bambini più fortunati vanno a fare calcetto o una nuotata per un massimo di due ore settimanali, trascorrendo buona parte delle rimanenti 166 ore tra i pasti, il sonno e la consolle dei videogiochi; i meno fortunati non fanno neppure quelle due ore di attività fisica perché, come ben sappiamo, i regolamenti condominiali sono abbastanza rigidi e, spesso, non permettono neppure qualche ora di gioco in cortile.
PedibuS, quindi, rappresenta il classico “uovo di Colombo” che permette, in un modo incredibilmente banale, di trovare la soluzione ad un problema, quello dell’obesità infantile, che a molti sembra senza soluzione (non ho il tempo di fare attività fisica).