Archivi categoria: software

Si torna ad Hattrick

Questo è un periodo in cui non ho molta voglia di leggere, scrivere o fotografare: mi dedico un poco al gioco.
Hattrick è un gioco per browser di tipo manageriale di calcio, nato in Svezia nel 1997 e disponibile in 144 paesi del mondo. Il numero di utenti attivi, ciascuno con la propria squadra virtuale, raggiunse quasi un milione nel 2009 per poi scendere gradualmente.
Personalmente l’ho utilizzato anche nella didattica con ottimi risultati, adesso lo impiego per impegnare il mio tempo libero.

“Topaz Labs Video Enhance AI” per video di qualità

È da molto che non curo la realizzazione di video (e non realizzo post nei quali ne parlo all’interno del mio blog), però continuo a prestare un po’ di attenzione al settore, sempre a scopi didattici o amatoriali.
Un software che ha attirato la mia attenzione dallo scorso anno è “Topaz Labs Video Enhance AI” che, oltre a modificare un vecchio filmato in bassa risoluzione in uno ad alta risoluzione, può anche eliminare la grana in quello occasioni in cui un video viene girato con scarsa illuminazione.
Un punto di forza di questo software è la semplicità di utilizzo, contro la necessità di possedere un computer performante. Il prezzo sul sito ufficiale è di $199,99 (dollari USA).

Photopia, attraenti slideshow fotografiche

Photopia è un software che si occupa di organizzare immagini e filmati in un file creativo, adatto per una didattica coinvolgente e per pagine social o un blog.
Il programma dispone di una pratica timeline e di numerosi effetti di transizione; è possibile importare più immagini per ogni slide; mixare foto e video e gestire in modo ottimale musica e audio originali.
Esistono due versioni di Photopia che hanno un costo e funzionalità differenti.
Photopia Creator è pensato per chi vuole creare presentazioni, mentre Photopia Director offre la possibilità di gestire più minuziosamente le transizioni e i fotogrammi e la possibilità di creare transizioni personali.
Il video che confronta le due versioni è quello ufficiale in inglese.

Insegnare è stato sempre un divertimento

scatto generato con l’app “Voilà AI Artist Editor”

Nella mia carriera da insegnante non ho mai dimenticato di essere stato alunno. Ringrazio sempre i docenti che ho avuto nei miei percorsi di studio perché non li dimenticherò mai in quanto mi hanno dato molto di più delle nozioni, mi hanno insegnato a vivere e a relazionarmi.
Uno degli insegnamenti più proficui nel tempo è stato il divertimento. Da alunno mi son sempre divertito a scuola e l’ho fatto pure da docente.
Il grande sociologo canadese Marshall McLuhan ha sostenuto che “coloro che fanno distinzione fra intrattenimento ed educazione forse non sanno che l’educazione deve essere divertimento e il divertimento deve essere educativo”.
Chi dei Colleghi ha sempre ritenuto di andare avanti con programmi ministeriali e obiettivi didattici sempre a portata di mano, ha ridotto il bello dell’insegnamento escludendo il divertimento, senza staccare un breve periodo per vivere momenti ludici insieme ai propri alunni.
Divertirsi e stare bene con i propri alunni non è una perdita di tempo.
Questo modo di vivere mi ha fatto star bene con gli alunni (anche con quelli che gli altri consideravano “terribili”) e non rinuncio a supportarli o aiutarli anche adesso quando mi contattano per avere dei consigli (gli ultimi sulla scelta della sede universitaria dati in estate).
Ecco perché mi sono trasformato in un personaggio dei cartoni Pixar con la nuova applicazione Android, Voilà AI Artist Editor, perché la voglia di giocare non mi passerà mai. Vedendo questa elegante “quasi caricatura” sorrideranno anche coloro che mi conoscono e seguono il mio blog (tanto nessuno li obbliga).

POST CORRELATI

Un progetto nato per facilitare il lavoro a distanza

Nel periodo del lookdown si sono diffuse molte “lavagne digitali” per una migliore spiegazione degli argomenti trattati.
Da un anno a questa parte molti si sono avvicinati ad una piattaforma che mette a disposizione una lavagna online in cui gli utenti da remoto possono cooperare e interagire.
Uno spazio quasi infinito che permette di non porre freno alla propria energia creativa, al modo di porgere domande e suggerire soluzioni.
Miro è un progetto nato per facilitare il lavoro a distanza e supportato da grandi marchi. Le possibilità offerte dalla lavagna collaborativa online sono tante: consente di realizzare brainstorming, di ricercare, di creare mappe mentali e pianificare insieme ai vostri gruppi di lavoro.
Il suo utilizzo gratuito prevede tre schede modificabili e le principali integrazioni. Con $8 al mese per ogni membro partecipante offre schede modificabili illimitate.

Il 50% sui prodotti DxO

DxO offre fino al 50% di sconto su tutto il software DxO e Nik Collection, con l’offerta disponibile da ora fino al 29 novembre 2021.
Tutte le offerte disponibili sullo shop DxO.
Ricordo ai visitatori del mio blog che le mie sono semplici condivisioni per nulla legate ad interessi commerciali.

POST CORRELATI

Ho provato PIXLR

immagine realizzata con PIXLR

Sia come insegnante in passato che come blogger adesso provo ad ottenere sempre delle immagini coinvolgenti; da insegnante per attirare meglio l’attenzione degli alunni sugli argomenti, adesso per corredare il mio post.
Se si preferisce un editor di foto online gratuito, è difficile non farsi prendere da Editor di foto Pixlr, uno dei migliori editor.
Questo editor di foto online gratuito può soddisfare la maggior parte delle esigenze di fotoritocco in quanto consente di ottenere il pieno controllo sulle immagini, inclusi livelli ed effetti.
Si deve soltanto creare un account: niente di speciale da scaricare o installare è sufficiente accedere dal browser quando se ne ha bisogno.
Come fare a non farsi coinvolgere? L’ho provato con l’immagine a corredo del post.

Lywi per creare fumetti

Questo è un periodo buono per le potature delle piante aromatiche (almeno dalle mie parti) prima che arrivi il freddo notturno e ieri mattina mi son dedicato a questi tagli di prima mattina per sentire il profumo delle piante del mio balcone.
In questo periodo vanno potate le piante a foglia (basilico, menta, coriandolo, dragoncello, erba cipollina) e quelle legnose o sempreverdi (timo, salvia, rosmarino) in modo da avere piante più sane e più belle.
Questo post comunque l’ho scritto per condividere l’utilizzo dello strumento “Lywi”, un software gratuito che permette di costruire storie a fumetti, suggerito nel suo blog da Roberto Sconocchini.
Invece che per un utilizzo didattico, l’ho adoperato per l’immagine a corredo del post.

Caricaturer, nuovo strumento per caricature

Come spesso accade nel mio blog, l’immagine a corredo del post di avvio mese è un autoscatto (ma sempre legato alle finalità contenute in questo spazio). In questa occasione, cogliendo uno dei suggerimenti didattici di Roberto Sconocchini (blog che visito spesso) ho pensato di avviare questo mese con un autoscatto trasformato grazie a “Caricaturer”, un nuovo strumento che offre la possibilità di generare più di sessanta varianti partendo da una foto ritratto.
Per maggiori informazioni consiglio ai visitatori del mio blog interessati a consultare il post realizzato da Sconocchini. Ho deciso di provarlo, ma per l’immagine a corredo di questo post mi sono affidato ad un servizio che già ho provato in passato.

Canopy, interessante risorsa

Segnalato mercoledì scorso da Roberto Sconocchini, sono rimasto incuriosito da Canopy, una nuova risorsa a disposizione per creare lezioni online e condividerle.
Accogliendo l’invito di fine post metto giù qualche rigo sulla risorsa.
Ad un primo sguardo, considerando che ho sempre utilizzato Edmodo, sembrerebbe una piattaforma simile anche se a differenza di piattaforme di apprendimento pre-covid, Canopy offre l’ accesso integrato a una suite di strumenti multimediali per consentire l’interazione con il materiale e discutere le idee.
Canopy è un partner di Google for Education e gli utenti possono facilmente sincronizzare elenchi e voti con le classi di Google Classroom esistenti.
Permette di organizzare in un’unica schermata le lezioni di un intero corso, incorpora facilmente video, risorse di Google Drive, PDF modificabili ed altro e consente di registrare o allegare audio a qualsiasi blocco di contenuto.
Favorisce, inoltre, la collaborazione tra docenti e programmi di studio in quanto crea community pubbliche o private per condividere lezioni, unità o interi corsi.
Mi sembra interessante.