Un vogghiu fari parti du greggi

Oggi ho ritrovato il piacere di scrivere una poesia nella mia lingua e senza pretesa alcuna la condivido nel mio blog augurandomi che possa piacere.

Iu un vogghiu fari parti du greggi,
a menzu o burdellu un si reggi,
vulissi un munnu pacatu
e iu mi nni stessi chetu, chetu.
‘Nta me vita tantu travagghiai
e fossi picca ma ripusai.
A ora chi mi vurria ripusari,
‘nta confusioni vonnu tutti parrari.
E un ci sunnu argomenti sani,
difatti, a parrari chiù sai sunnu i profani.
Tutti su ‘sperti chi paroli
e mi stannu facennu unghiari i moli.
Semu tutti d’accordu ‘nta na cosa,
ma ‘nto gruppu c’è sempri chiddu ca un riposa,
a tutti i costi ni voli cuntari
cu so rimediu nnavemu a pigghiari.
A mia mi piaci a paci e l’ambienti,
ma pari ca tutti un ci nni futti nenti.
Ora ‘nto ‘n cantu mi misi
picchì un vogghiu rutti i gabbasisi.

POST CORRELATI

Pubblicato il febbraio 7, 2021 su fotografia, poesie. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: