Top Selection per gli scatti miei e di Nicola Vaiana

Top Selection per gli scatti miei e di Nicola Vaiana su Fotomania1. “Ultime luci sul pantano grande (lago di Ganzirri – ME)”, foto a corredo del post, e “Alba a Croce di mare“, infatti, sono stati inseriti ieri sera nella pagina FB delle Top assegnate dagli Admin di Fotomania1.
Un riconoscimento che soddisfa entrambi i fotoamatori che spesso escono insieme per gli scatti e per trascorrere un momento di svago.

Annunci

A Milano l’evento CalcioCity

Si è svolta ieri la conferenza stampa di presentazione del programma di Milano CalcioCity che dal 27 al 30 settembre racconterà la propria idea di calcio. Un evento da non perdere per chi ama lo sport e non solo.
La foto a corredo del post è stata presa dalla pagina FB dedicata dagli organizzatori.

La serenità e la natura

Mentre l’altro ieri proseguivo il mio cammino verso la serenità, alternando i pochi scatti che faccio con la lettura di brani o articoli che mi spingono ad avvicinarmi sempre più, mi è giunto questo scatto di Francesco Tracuzzi che ringrazio.
Serenità è anche rimanere fermi ad ammirare lo scorrere di un fiume, ascoltare il suo defluire arricchito dalla musica offerta dagli animali residenti nelle sue vicinanze o semplicemente essere accarezzati da una lieve brezza che sembra rappresentare un ringraziamento a chi vuole viverla e non offenderla come molti inquinatori d’ambiente.
Francesco Tracuzzi ha voluto cogliere con questo scatto la mia serenità del momento arricchita con un bokeh della natura.

POST CORRELATI

Un corso di formazione interessante

Apprezzo tantissimo le iniziative della Erickson che dal 1984 Sviluppa conoscenze e competenze per favorire l’inclusione in ogni contesto con rigore scientifico e concretezza e sono tentato a partecipare al corso “Le Intelligenze Multiple” che ha per autrice e tutor la Dott.ssa Giuseppina Gentili.
La Gentili coordina da molti anni gruppi di ricerca-azione docente occupandosi di innovazione e sperimentazione didattica nella scuola con un interesse particolare per la didattica per competenze, per le metodologie inclusive e per l’implementazione della teoria delle Intelligenze Multiple di Howard Gardner.
Il corso di cinquanta ore al quale sto pensando di partecipare è strutturato in quattro moduli, partendo dalla conoscenza della teoria e delle sue implicazioni educativo-didattiche, intende fornire suggerimenti e strumenti per riconoscere le potenzialità degli studenti, diversificare l’azione formativa, garantire a ognuno percorsi personalizzati e opportunità di successo negli apprendimenti.
Per i visitatori del mio blog rimando alla pagina del corso con questo link mentre io torno a meditare sull’iscrizione che scade il 10 dicembre del 2019 (ma non voglio ridurmi all’ultimo momento).

Prosegue la ricerca della serenità

Il mio cammino verso la serenità prosegue alternando i pochi scatti che faccio con la lettura di brani o articoli che mi spingano ad avvicinarmi sempre più. Sfogliando la rivista “Smart Photography” ho avuto modo di apprezzare gli scatti meravigliosi di Smitaleka Saali, una fotografa che utilizza la fotografia non solo per catturare il momento ma anche per rendere viva la narrazione visiva. Con scatti naturalistici e paesaggi trasmette una serenità incredibile. Fa volare la mente verso quei luoghi di una bellezza superba che cattura non per imprigionare, ma per donare a chi li guarda momenti di estasi e tranquillità.
Ai visitatori del mio blog non posso che suggerire l’abbonamento alla rivista ricca di tanti argomenti ed una serena lettura.

POST CORRELATI

I curatori del MoMA rendono omaggio a Robert Frank

I curatori del MoMA (Museum of Modern Art) rendono omaggio a Robert Frank, un artista che ha cambiato il nostro modo di vedere. Con un articolo a firma di Sarah Meister, Josh Siegel, Roxana Marcoci, Stuart Comer e Lucy Gallun vengono approfonditi alcuni momenti della vita dell’artista che viene considerato uno dei più importanti fotografi del Novecento. Ne consiglio la lettura.
La foto a corredo del post è di Michael Schwarzenberger ed è stata presa da Pixabay libera anche per usi commerciali e l’attribuzione non richiesta ma apprezzata.

POST CORRELATI

Un bel riconoscimento per Giorgia Hofer

Bel riconoscimento per Giorgia Hofer, astrofila, astrofotografa e curatrice della rubrica “Uno scatto al mese” su Coelum Astronomia, che ha raggiunto con le sue immagini la prestigiosa vetrina APOD, foto astronomica del giorno selezionata della NASA, per ben due volte in soli quindici giorni.
Se amate la fotografia non potete che cliccare “MI PIACE” sulla sua pagina FB e seguire gli incantevoli scatti della “Pittrice del cielo”.
La foto utilizzata per questo post non rende giustizia alla maestria dell’artista in quanto è uno screenshot della pagina del n°232 di Coelum Astronomia (unita alla copertina del numero), rivista che leggo con enorme interesse e piacere.
Per saperne di più:

 

Per “Tramonto di metà settembre” copertina su Reflexando con passione

Su REFLEXando con Passione è stata attribuita la copertina al mio scatto “Tramonto di metà settembre“. Agli interessati fornisco i dati di scatto: Panasonc FZ300, F/4, iso 100, lf 300, 1/320 sec.

Riflessioni sul muretto

Oggi intendo riflettere sui ragazzi del muretto. Giusto domenica scorsa, quattro ragazzi hanno colpito la mia attenzione. Seduti sul muretto con la loro birra accanto tenevano in mano il cellulare. Due ascoltavano musica (ognuno un brano diverso) e due chattavano. Nessuno di loro stava con lo sguardo sul tramonto che io ho fotografato e l’unica gestualità che ho potuto apprezzare è stata la mano che si tendeva a prendere la bottiglia di birra dal muretto. Lo sguardo non era neppure rivolto agli ultimi tocchi di beach volley delle persone in spiaggia al calar del sole e la scuola, do poco iniziata, non forniva elementi di scambio di opinioni. Nessuno rivolgeva lo sguardo agli altri, erano soli insieme ad altri, in mezzo al passeggio del lungomare.
Certo che anche noi siamo stati ragazzi ed anche noi abbiamo trascorso qualche ora sul muretto, ma per noi era diverso. Le modalità di sosta erano altre: si parlava delle occasioni fallite dell’estate, del torneo vinto o perso sulla spiaggia, della scuola che da lì a poco sarebbe iniziata o degli esami di riparazione appena finiti. La “duetto” che passava dalla strada ci conduceva a parlare dei nostri sogni subito dopo la patente, qualcuno lamentava stanchezza dopo il primo periodo di preparazione atletica e si discuteva, in maniera calda, delle posizioni assunte da Almirante o Berlinguer rispettando, comunque, le idee degli altri. A volte c’era anche la musica, quella suonata con la chitarra e spesso accompagnata da cori di amici apparentemente ubriachi. Questo va precisato, pochi di noi bevevano birra e lo facevano soltanto davanti alla famosa teglia (“lanna“) di focaccia e mai sul muretto; su questo la bibita ufficiale era il tea freddo con la granita limone.
Certo la società cambia, però non so dirvi se la mia è nostalgia di quella adolescenza lontana o una malinconia che osserva delle fasi di declino dello stare insieme dei giovani. Comunque, quando posso, torno sul muretto, ma le modalità sono quelle di tanti anni fa.
La foto a corredo del post è stata scattata col cellulare da Anna mentre con l’amico Carmelo affrontiamo qualche discussione sul muretto con una giovinezza sempre presente nel nostro spirito.

Oggi la scadenza per partecipare a “Liquida”

Oggi è l’ultimo giorno per partecipare alla seconda edizione di “Liquida“, il progetto mirato alla riscoperta, attraverso i linguaggi del medium fotografico, delle radici della cultura mediterranea. Il programma di residenza è aperto a fotografi e artisti visivi che sono fortemente interessati a sviluppare un progetto pertinente con il mezzo fotografico. LIQUIDA è un programma di residenza co-fondato e co-curato da BACO e Minimum e con il supporto tecnico di Cutterfish lab.
Maggiori informazioni si potranno avere con la consultazione dei siti web linkati in questo post.
La foto a corredo del post è uno scatto che ho fatto col cellulare ad uno scorcio di Palermo, ponte tra il mondo orientale e quello occidentale, divenuta la città simbolo dell’area mediterranea (non è legata all’iniziativa).