Tramonto a Vendicari

Tramonto a Vendicari” sta riscuotendo notevole successo su 500px, una community di fotografi per la condivisione, ricerca, acquisto e vendita delle foto nata nel 2009. Proprio perché pensato e ideato da fotografi il copyright delle foto è tutelato: è necessario, infatti, chiedere il diritto per usare le foto.
Chi vuole può vedere le mie foto sulla mia pagina.

Annunci

Un anno di “Al calar del sole a Ganzirri”

Oggi fa un anno preciso che nel gruppo “Foto Italia Tempi & Diaframmi” è stata scelta per l’inserimento nella TOP Selection T&D la mia foto “Al calar del sole a Ganzirri”. Tante le soddisfazioni che mi ha fornito questo scatto e mi auguro di poter tornare con sentimento ed amore alle mie fotografie. Il mio archivio può essere visto sulla mia pagina FB.

POST CORRELATI

Non poteva mancare nella mia libreria “La ragazza con la Leica”

La mia passione per la fotografia, in questo periodo, mi sta spingendo a leggere molto. Mi son chiesto come può mancare dalla mia libreria “La ragazza con la Leica”, il romanzo di Helena Janeczek che tratta di Gerda Taro, grande fotografa a fianco di un altro grande?
Come molti Premi Strega, la lettura risulta impegnativa e rende necessaria una certa conoscenza della storia con una saltuaria ricerca di approfondimento su notizie ed eventi.
Come detto in altri post del mio blog, non sono un critico, ma soltanto un lettore appassionato che non resiste al desiderio di consigliare la lettura di un libro trovato interessante e coinvolgente.

Rimango o vado via dai social?

Ormai è da diverso tempo che sono presente sui social network, ma da qualche tempo sto meditando di abbandonare l’aggiornamento del mio profilo ed alcuni dei gruppi nei quali sono stato iscritto.
Ho iniziato per scambiare contenuti di valore (o ritenuti tali), apprendere attraverso la condivisione e condividere la mia conoscenza per fornire un piccolo contributo agli interessi comuni dei componenti del gruppo.
Da un po’ di tempo a questa parte, purtroppo, con l’arrivo dei “Boomerang“, diversi post inseriti (non necessariamente da me) non fanno altro che generare reattività, conflittualità. Condizioni ben distanti dal motivo che mi ha spinto a crearmi un account sui social network. La componente esibizionista di utenti in notevole crescita, indica che in tanti manifestano un bisogno di qualcos’altro che desiderano ottenere senza considerare l’aspetto umano e sociale della relazione ottenuta con lo strumento in causa, utilizzando linguaggi poco consoni e teorie mai supportate da riferimenti validi.
Forse abbiamo molto da imparare dalle scimmie, dalle espressioni attraverso le quali i primati cercano di generare empatia in un altro esemplare, con l’obiettivo di stabilire una relazione. Forse i nostri antenati sono meglio di noi, intelligenti, giocherelloni, ma rispettosi dei consimili. Forse si, forse no, ma una cosa è certa … questo post potrebbe generare forti reazioni sui social network. Ed allora lo posto nel mio blog come povera riflessione, abbinando la bella foto di Francesco Tracuzzi.

Luna rossa all’alba

Il 21 gennaio potremo dedicarci all’osservazione della Superluna rossa, ossia l’eclissi totale che avviene quando la Luna raggiunge il punto più vicino al Sole (perigeo), che raggiungerà il culmine tra le ore 5:41 e le 6:43 del mattino.
Nella nostra zona la scomparsa della luna è prevista alle 7:19 e ci si dovrà scegliere un luogo che permetta una visione piacevole dell’evento (speriamo nella clemenza del meteo).

Il quarto dei volumi dedicati ai maestri di fotografia

È arrivato il quarto volume dei “Maestri della fotografia“. Si va in edicola e, dopo la chiaccherata piacevole di rito con il vecchio amico, ormai da tempo non più alunno, ci si tuffa nella lettura di questo volume dedicato a Paolo Pellegrin, uno dei fotogiornalisti più attivi ed impegnati del nostro tempo.
Da subito coinvolti nella lettura dal racconto di Mario Calabresi, si rimane incantati da alcuni scatti del “Viaggio attraverso le terre dell’Islam”. La lettura proseguirà con l’analisi tecnica curata da Alessia Tagliaventi e con “Trovare la luce nel buio”. Ancora non ci sono arrivato, ma il fine settimana si preannuncia piacevole nel percorso proposto da un libro che suggerisco di acquistare.

POST CORRELATI

Aspettando il quarto volume dei Maestri

Mentre attendo il quarto volume dei “Maestri di fotografia“, che dovrebbe essere in edicola a partire da oggi, mi guardo questo video (messo in rete da On The Road Photography) dedicato a Paolo Pellegrin, uno tra i più importanti fotoreporter del nostro tempo, a cui sarà dedicato questo volume che ho prenotato.

POST CORRELATI

Qualche scatto ai Presepi

Inaugurata il 7 dicembre 2018, proseguirà fino al 6 gennaio 2019, presso il Castello di Spadafora (probabilmente costruito alla fine del cinquecento intorno ad una torre difensiva dalla famiglia Spadafora per il controllo costiero e per la difesa del feudo di S. Martino), la “Mostra dell’arte Presepiale in Sicilia”.
Una bella esposizione di Presepi che tocca l’attenzione dei visitatori proponendo opere di vera bellezza realizzate in varie dimensioni e con diversi materiali.
All’interno dell’esposizione che ha come Direttore artistico Saro Cutropia, allestita da Franco Bertino e coordinata da Massimo Santi Natoli è presente anche una vetrina indirizzata al modellismo navale.

POST CORRELATI

2018, lo voglio ricordare così

Il 2018 è stato un anno difficile per me e per molte persone che mi vogliono bene. Io desidero ricordarlo con alcuni dei miei scatti.
Ringrazio tutte le persone che mi sono state vicine e, sopratutto, ringrazio Dio per l’opportunità che mi ha dato di poter ancora ammirare le bellezze della natura, di poter stare accanto alle belle persone che mi circondano.
Mi auguro che il 2019 sia un anno di pace, serenità, amore e gioia per tutti.

POST CORRELATI

Pensieri di fine anno

Il 31 dicembre è la data dei consuntivi, dei buoni propositi. Io desidero soltanto ringraziare chi mi è stato vicino, chi mi ha aiutato a superare le difficoltà sorte durante il cammino, chi si è dimostrato vero amico donandomi il suo tempo (non faccio nomi perché non voglio dimenticare nessuno, ma la foto del post voglio dedicarla alla mia metà, concedetemelo).
In questo ultimo giorno dell’anno, il mio pensiero va a coloro che hanno perso la rotta trascorrendo il loro tempo migliore con il telefonino in mano, perdendo l’amore di chi sta vicino, il gusto delle cose che si mangiano, le meraviglie donate ogni momento dalla natura, dedicando il loro tempo a controllare la bacheca dei social per essere primi a vedere il video divertente e scoprire cosa hanno comprato gli amici al centro commerciale o se hanno cambiato il cellulare.
Il mio pensiero va a coloro che nel corso della giornata si sentono stanchi, ma non rinunciano a portare a letto il proprio smartphone pensando che fuori è ancora giorno e che dormendo perderanno ciò che accade lontano, a coloro che da molto hanno rinunciato a cantare la loro canzone preferita perché è tempo “sprecato” ed hanno riposto nel cassetto o peggio ancora nel cassonetto i loro “arnesi” da disegno perché disegnare, pitturare o avere un hobby è una “cosa” da bambini.
Come buoni propositi per l’anno che sta per arrivare penso un po’ a me. Desidero leggere di più per acquisire una prospettiva diversa sulla vita, desidero rileggere anche vecchi libri per afferrare argomenti che, prima, non ho nemmeno preso in considerazione e desidero tornare in contatto con i vecchi amici con i quali non mi sento da tempo, anche con una semplice telefonata, perché non voglio permettere che l’anno nuovo me le porti via.