Un treppiede che m’interessa

È difficile che io tratti sul mio blog l’argomento treppiede, però questo Benro Bat 03c con testa VX20 ha attirato il mio interesse. Ha 5 posizioni delle gambe, 3 che si inclinano verso il basso e 2 che si bloccano verso l’alto. Ha una lunghezza da piegato di 30 cm, comoda da portare in uno zaino, pesa più o meno 800 grammi e porta un carico di 12 Kg.
È un treppiede che può essere utilizzato su un tavolo, sul bordo in cemento di una strada o su appoggi ci convenienza, con tre gambe che possono essere estese usando dei fermi a rotazione in gomma. I piedi sono in gomma aderente e possono essere sostituiti con punte di metallo, non incluse nella confezione, e di un gancio a molla per aggiungere un po’ di contrappeso.
Sinceramente mi piace e l’ho aggiunto alla mia lista degli acquisti.

Solo un post di buon onomastico

Oggi un post brevissimo a poco in linea con il blog solo per augurare buon onomastico a coloro che portano il mio stesso nome (anche al femminile e con tutti i vezzeggiativi).

È bello condividere

Come ripetuto più volte in passato, uno del blog che visito quotidianamente (cosa che invito a fare) è quello di Roberto Sconocchini, Docente preparato e con un grande spirito di condivisione della conoscenza. In questo periodo scolastico particolare fa piacere vedere quanti, attraverso i loro siti ed il blog di Sconocchini, hanno condiviso i modelli di relazione finale di ogni ordine e grado.

Piacevole lettura in italiano per il fine settimana

Prese al volo tra ieri ed avantieri le riviste che mi faranno leggere nel fine settimana. Aria di estate e voglia di viaggiare negli ultimi numeri di “Nphotography” e “Il fotografo“. Ancora il meteo non è quello dei tuffi a mare, per cui mi tuffo nella lettura.

“Move! The new science of body over mind”, un libro che vorrei presto leggere

Il benessere dell’attività fisica lo abbiamo sempre promosso negli anni della scuola dell’obbligo, però è sempre bene ripeterlo e soprattutto parlare delle nuove scoperte sul tema.
Caroline Williams, giornalista britannica che si occupa di scienze e collabora con il New Scientist settimanale britannico di divulgazione scientifica, ha scritto un libro “Move! The new science of body over mind” (Muoviti! La nuova scienza del potere del corpo sulla mente) in cui esplora le nuove ricerche in materia di biologia evolutiva, fisiologia, neuroscienze e biologia cellulare per esporre quali movimenti del corpo influenzano la mente e perché.
Camminare può migliorare le tue capacità cognitive, irrobustire il cuore riduce l’ansia, lo stretching leggero può combattere tutta una successione di disturbi mentali e fisici. Insomma riferisce come si può far lavorare il proprio corpo per migliorare la mente.
Mi auguro possano fare una versione in italiano in quanto potrebbe essere pesante per me leggere le 256 pagine che risultano dense di informazioni utili in lingua originale.

L’eclissi parziale di oggi

Oggi si verificherà la prima delle eclissi di Sole di quest’anno, che interesserà marginalmente l’Italia solo dalle nostre regioni settentrionali, con una percentuale massima tra le 12:15 e le 12:25 circa.
Chi abita lontano dalle zone interessate potrà guardarla sul canale dell’Unione Astrofili Italiani a questo link.

“Yellow day”, il giorno più felice dell’anno

Secondo lo psicologo gallese Cliff Arnall, ex professore di psicologia all’Università di Cardiff, lo “Yellow day”, ovvero il 20 giugno, è il giorno più felice dell’anno.
In alcuni gruppi già cominciano a proliferare le foto a tema “giallo” proprio per il piacere di anticipare i festeggiamenti del 20 giugno.
Sembra che in questa data le persone si sentano più felici e gioiose, si apprezza l’arrivo della bella stagione e conseguentemente delle ferie, riaffiorano i ricordi di gioventù, c’è un maggiore contatto con la natura e più occasioni per incontrarsi con altri (soprattutto grazie ai cali di contagio del coronavirus).
Io comincerò a postare anche qualcosa sul tema “giallo” sfruttando gli scatti d’archivio.

Turismo, è importante rendere noti i divieti prima

Sarà una opinione fuori dal coro, ma cominciare a leggere adesso che si sta avviando la stagione turistica “le spiagge più belle”, “le valli più accoglienti”, “la vera natura incontaminata”, “le montagne divine”, mi sembra un bieco campanilismo duro a morire.
Nel post d’inizio mese ho detto che le mie vacanze potrebbero condurmi in Sicilia o in Calabria, ovvero vicino casa, ma non ho mai pensato di parlar bene delle spiagge di queste due regioni (anche se diverse premiate con la bandiera blu) o di lodare le colline, il verde o altro.
Con molta sincerità ho viaggiato tanto in passato e non mi sento di parlar male di nessuno dei posti visitati, ne in Italia ne all’estero.
Potrei magari parlare delle differenze degli uffici turistici, ma anche quello mi sembra un argomento sgradevole perché dovrei conoscere risorse economiche e volontà politica utilizzate a migliorare questi servizi nel caso in cui risultassero poco sufficienti.
L’unica cosa che tendo a citare riguarda i cartelli di divieto che, a mio parere, dovrebbero essere noti prima che una persona possa decidere di visitare quella zona. Non si può avere l’informazione di un edificio religioso, la sua storia, le sue bellezze, le opere d’arte che sono in esso conservate e scoprire dopo essersi tolti le scarpe in rispetto alla fede locale e “ascoltare” in lingua poco comprensibile che l’accesso è vietato alle persone di religione differente o recarsi in un luogo paradisiaco e scoprire dopo un’ora di viaggio per giungere a destinazione che è vietato fumare o scattare fotografie.
Ecco, a mio parere e nel rispetto di questi divieti, credo debbano essere comunicati prima perché ognuno di noi genera una mappa mentale di ciò che si aspetta e questi divieti spengono l’entusiasmo.
Ho inserito un’immagine di un luogo anonimo perché non rientra nei miei propositi offendere nessuno, mi piacerebbe che i lettori comprendessero il mio desiderio.

POST CORRELATI

Human: il mondo dentro di noi

Human: il mondo dentro di noi” è una serie di documentari di tipo scientifico divulgativo messa in onda su Netflix. Si tratta di una serie che esamina alcuni aspetti del corpo umano e le nuove scoperte della scienza. I documentari sono sei episodi, ognuno dedicato ad un argomento del corpo umano.
Episodio 1 – Reazioni
Episodio 2 – Pulsazioni
Episodio 3 – Energia
Episodio 4 – Difese
Episodio 5 – Sensi
Episodio 6 – Nascita
Il video di questo post è stato messo in rete dal canale “In The Mood For Movies“.

UFO, attendiamo il 25 giugno

Saranno circolari, a triangolo o a forma di sigaro?
Non c’è dubbio che l’ attesa per il 25 giugno, giorno in cui il Congresso degli Stati Uniti dovrebbe rendere note le informazioni sugli UFO, è tanta.
Per adesso sul web impazza la moda di chi ne sa di più e non perché la notizia è stata portata alla ribalta dal New York Times, ma più da quando l’argomento è stato trattato dal Presidente uscente Donald Trump.
Mancano ancora pochi giorni, poi sapremo cosa ci diranno, anche se ormai in molti credono che il rapporto ammetterà che molti dei fenomeni osservati rimangono difficili da spiegare.