“U me destino è scrittu”

Nell’ultimo post dedicato alla mia esperienza didattica (sottolineo per l’ennesima volta questo perché desidero solo trasmettere la mia conoscenza in quanto non propongo quanto scritto come la verità assoluta), ho sostenuto che la Scuola deve accompagnare nella crescita guidando passo dopo passo gli alunni permettendo di superare gli errori e generare le reazioni idonee ad animare il processo di apprendimento.
Una delle difficoltà più ostili che un insegnante deve imparare a combattere è quella delle “credenze” generate nell’ambiente di provenienza dell’alunno.
U me destino è scrittu” (dal siciliano: il mio destino è scritto/predeterminato) è la prima delle difficoltà, ovvero l’idea illogica che ognuno abbia un destino segnato che determina il successo o il fallimento.
Affermare ciò mette in evidenza un carattere in cui è importante innanzitutto far scivolare le responsabilità ed accettare un futuro da mediocre.
È chiaro che non si potrà ottenere un cambio di mentalità in breve tempo, però è importante trasmettere l’informazione che il destino è in gran parte nelle nostre mani e che dare la colpa di eventuali fallimenti a forze al di fuori del nostro controllo non è altro che un pretesto.
Certamente nel corso della vita si ritroveranno ad affrontare situazioni più difficili, ma l’abilità dell’insegnante consiste nello stimolare gli allievi ad essere preparati adoperandosi al meglio in ogni circostanza.
Questo non significa che loro non possano credere nella fortuna (che esiste), è necessario far comprendere che non si può vivere in attesa di essa.

POST CORRELATI

Pubblicato il novembre 22, 2021 su didattica, psicologia, riflessioni. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: